Come migliorare l’indicizzazione del proprio sito?

Avere ben chiara la differenza tra ciò che significa l’acronimo SEO e quello che invece definisce l’acronimo SEM è fondamentale per chiunque abbia intenzione di affacciarsi al mondo del web con un proprio dominio.

Il SEO (Search Engine Optimization) è l’insieme delle tecniche che permettono ai contenuti di un sito web di essere visibili tra i risultati organici dei motori di ricerca per determinate parole chiave, tecniche di solito messe in atto da un SEO specialist per intercettare utenti interessati ad un determinato argomento/prodotto.

Il SEM (Search Engine Marketing) si riferisce invece a tutte le azioni fatte da un SEM specialist per promuovere un sito, ad esempio azioni come campagne Adwords o Facebook che di solito vengono messe in atto con la collaborazione di un esperto di web marketing.

Leggi anche Cos’è un sito web responsive?

Entrambe queste tecniche hanno come scopo quello di migliorare l’indicizzazione di un sito sui motori di ricerca per aumentarne il traffico in entrata. E se per il SEM è necessario un investimento economico, per alcune attività di SEO potete mettere in campo anche le vostre competenze senza necessariamente dover ricorrere a un impiego di soldi.

In quest’ultimo caso, anche se non siete dei SEO specialist, potete nel vostro piccolo contribuire a raggiungere un posizionamento migliore tenendo a mente queste cinque regole semplici.

Leggi anche Quali dati inserire obbligatoriamente in un sito aziendale?

  1. Anche le immagini che pubblicate nel vostro sito vengono indicizzate dai motori di ricerca. Per questo è fondamentale scegliere il testo giusto da associare a ogni foto, sotto forma di tag e metatag. Un file di nome CV456784.jpg sarà ignorato, un file chiamato mela-rossa.jpg invece può essere indicizzato, perché “parlante” e significativo. Ricordate di usare il trattino alto “-” e non quello basso “_”. Vi consigliamodi intervenire su tutti elementi di testo di  accompagnamento all’immagine, come la didascalia e il testo alternativo: il risultato in questo caso sarà ancora migliore. È importante infine favorire la condivisione social delle foto che pubblicate: anche questo contribuirà all’indicizzazione.
  1. In un blog, i commenti sotto ai post creano contenuti testuali. Questo vuol dire che, i commenti come le immagini, saranno indicizzati e contribuiranno a migliorare il posizionamento dell’articolo e quindi del sito.
  1. Scegliere la giusta tecnologia con cui sviluppare il proprio sito è di vitale importanza. Facciamo un esempio: un sito web sviluppato con Flash non sarà mai ottimizzato per la visualizzazione su dispositivi mobili a causa delle dimensioni fisse degli oggetti, mentre lo saranno i layout responsive che ben si adattano alla risoluzione dello schermo e rappresentano oggi lo standard.
  1. Un altro ottimo modo per far sì che tutti trovino subito il vostro blog sui motori di ricerca è inserire link interni nei post che pubblicate e far richiamare il vostro blog da altri domini, attraverso la tecnica del link building.
  1. Cercate sempre di personalizzare le URL delle vostre pagine gestendole in ottica SEO. E’ importante che esprimano in una frase quello che l’utente troverà all’interno della pagina: i motori di ricerca non amano le url tagliate!

Testo a cura di:
Gilberto Marzuillo –
Marzuillo
Matteo Frana – F2.net
Franco Tauceri – Domain Register

Lascia il tuo commento

Hai dubbi sui domini? Chiedi all'esperto

Scopri tutte le
nostre guide gratuite
Scarica i kit