Andrea Cattabriga e Sebastiano Longaretti

Perchè l'ho chiamata Slow/d

Guarda il video
Indietro

Esiste una piattaforma online che riporta il design nelle botteghe. Si chiama Slow/d e dal 2011 connette oltre 1336 iscritti tra designer e artigiani che scambiano in rete il loro know-how da ogni parte del mondo.

I due fondatori, Andrea Cattabriga e Sebastiano Longaretti, entrambi architetti, hanno trovato il modo di unire il mondo artigianale delle loro famiglie a internet. Il progetto è partito dalla necessità di realizzare alcuni prototipi dei loro prodotti e venderli sia a Bergamo che a Modena. Da qui l’idea di creare un network in grado di collegare gli ideatori di prototipi e coloro che li avrebbero in seguito realizzati, mettendoli a disposizione del cliente finale ovunque esso si trovi. Come ci sono riusciti? Hanno dato un nome al loro sogno e l’hanno portato online.

Scopri tutte le altre storie italiane!

Il nome scelto non è casuale e loro stessi lo definiscono rappresentativo di un paradosso. Slow/d, infatti, rimanda ad una dimensione “lenta” che oggi rappresenta invece una community super veloce.

All’interno di questa community i designer vedono Slow/d come un’opportunità per ottenere visibilità e realizzare concretamente i loro prototipi, mentre gli artigiani trovano un valido punto di accesso per la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti. La piattaforma permette di creare tra le due parti una filiera produttiva orizzontale, senza intermediazione di altre persone: così un designer inglese può mettersi in contatto con un artigiano italiano abbattendo i costi legati alla logistica.

Scopri anche la storia di Fatture in Cloud

Dal lato del consumatore finale, il prodotto di design diventa a km zero: tutti i clienti, infatti, hanno la possibilità di acquistare un prodotto online e farlo realizzare all’artigiano Slowd più vicino a casa sua.

Grazie a Slow/d il design ora è alla portata di tutti.

Hai dubbi sui domini? Chiedi all'esperto

Scopri tutte le
nostre guide gratuite
Scarica i kit